Skip to content

OUTIS-NESSUNO. contrasto a PENELOPE di Rosaria Lo Russo

2 dicembre 2012

Il testo, a “contrasto” con Penelope di Rosaria Lo Russo (Giornata Mondiale della Poesia 2005, Padova – Sala dei Giganti del Liviano) è stato scritto per l’occasione, e quindi pubblicato nella raccolta La gioia dell’impossibile (Sinopia, Venezia 2007), autore chi scrive.

Il suo impianto ‘gotico-postmoderno’ decostruisce il mito di Nessuno-Odisseo, in una sorta di macabra autobiografia, misurata sull’alto dibattito buddhista della Vacuità e su quello induista della Grande Madre Kali. La ‘traduzione vocale’ qui presentata non è quella live (23 marzo 2005), ma una sua meditante, postuma rimembranza (2007), che segue alcuni criteri di poetica orale.

In primo luogo, è appunto una traduzione, ossia il dover cogliere il “germe poetico” nella sua oscurità, come scrive René Daumal in La conoscenza di sé (Adelphi 1972), o nella sua essenza ritmica pre-espressiva, prima di tentare qualsuasi sua resa in altra lingua. A questo punto, trovare una musica (qui preconfezionata) che, rispettando quel germe, offra un tessuto sonoro su cui la voce possa avanzare. Il terzo punto, che se pienamente sviluppato può fare a meno della musica esterna, consiste nell’immaginazione-espressione di ogni segmento fonematico (logico, simbolico, etc) come se fosse creato nell’istante stesso della sua manifestazione – il non-sapere quale sarà il prossimo passo, il prossimo verso.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: